L’evoluzione dello Chardonnay in Franciacorta

Torna L’Archestrato con il piacere della tavola proponendo un “viaggio” nel tempo per scoprire l’evoluzione di due vini bianchi fermi, rispettivamente Uccellanda bianco Terre di Franciacorta 1998 Bellavista e il Terre di Franciacorta bianco 1999 Contadi Castaldi. L’apertura al menù è affidata ad un fresco Franciacorta brut di Guido Berlucchi, con sboccatura 2019, mentre l’incarico di chiudere è affidato ad un insolito blend di Mosto fresco di Chardonnay e brandy invecchiato 12 anni.
Se il filo conduttore “liquido” è lo Chardonnay, la parte “solida” è affidata alle sapienti mani dello chef del ristorante Ostier che ha confezionato questo Menù

* Uovo pochè 63° in nido di patata fondente su misticanza, tartufo estivo d’Alba e salsa al vino

* Chitarrina alla gricia e lamelle di tartufo estivo d’Alba

* Filetto di maialino al caffè con il suo cappuccino e cornetto

* Crema leggera al cappuccino in bicchiere con Genoise al sentore di Biles

I vini
Berlucchi 61 Brut Franciacorta;
Contadi Castaldi Bianco 1999 Terre di Franciacorta;
Uccellanda Bianco 1998 Bellavista Terre di Franciacorta;
Pinodise’ Vino Liquoroso Contadi Castaldi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Eventi

IL PRANZO DI BABETTE, il racconto

IL PRANZO DI BABETTE, il racconto

La visione prima e la cena dopo. Al Sale Art Cafè Mercoledì 30 novembre 2022 Dalla proiezione al pranzo, un racconto visivo dei momenti trascorsi insieme. ZUPPA DI PANE RAFFERMO E BIRRA Il rovesciamento miracoloso inizia da questa zuppa che Babette impara a preparare...